Il contro-golpe di Erdoğan: attacco alla democrazia turca

L’ultima notizia che ci giunge dalla Turchia è datata 11 novembre 2016. Akin Atalay, editore del quotidiano Cumhuriyet, (protagonista della cronaca pochi giorni prima, a seguito di una retata che ha causato l’arresto di una quindicina di persone) è stato arrestato non appena arrivato in patria, di ritorno dalla Germania. La notizia giunge appena pochi giorni dopo un altro eclatante arresto.

Il 4 novembre sono stati arrestati Demirtas e Yuksekdag, rispettivamente leader e co-leader del partito di opposizione Hdp, partito filo-curdo e terza forza politica a sedere in Parlamento, dopo che nel 2015 era riuscito per la prima volta  superare lo sbarramento del 10%. Insieme a loro, altri 10 membri del partito sono stati arrestati, con l’accusa di aver rifiutato di collaborare nelle indagini condotte dal governo turco sulle attività del Pkk, partito politico e organizzazione paramilitare sostenuto nel sud-est del paese (di etnia curda) e dichiarato illegale in Turchia, Europa e Stati Uniti. Continue reading “Il contro-golpe di Erdoğan: attacco alla democrazia turca”

Advertisements

Emergenza migranti: l’asilo è una via di fuga o una vana speranza?

La disastrosa situazione umanitaria cui abbiamo assistito negli ultimi anni sembra non voler migliorare; a dir la verità, i dati indicano che sempre di più sono le persone che cercano asilo in Europa. Secondo i dati Unhcr (United Nations High Commissioner for Refugees), tra il 1 gennaio e il 31 ottobre 2016 sono sbarcate in Europa 331.016 persone, di cui 169.641 in Grecia e 158.974 in Italia.  Se in Italia nei primi dieci mesi del 2015 arrivarono 140.987 persone, nel 2016 il numero è aumentato del 13%, fino a raggiungere le 158.974 persone il 31 ottobre scorso.

Continue reading “Emergenza migranti: l’asilo è una via di fuga o una vana speranza?”