La scoperta dell’altro

Quando mi chiedo perché ogni giorno decido di dedicare gran parte del mio tempo agli altri, ho sempre grandi difficoltà a rispondermi. La difficoltà sta nella risposta, ma ancora prima nella domanda: voler donare le proprie risorse e forze lavorando con e per gli altri, è un’attività che non richiede di essere spiegata o compresa attraverso domande razionali.

La vita del volontario è scandita da naturali movimenti della propria mente verso la condivisione e la tutela degli interessi del prossimo; in un certo senso ha un’inclinazione spirituale verso ciò che è “altro” da lui. Passa il tempo e questo sentimento cresce insieme a te: all’età di 5 anni sono stata fermata da un signore che, accovacciato a terra , chiedeva l’elemosina ed essendo una bambina, la mia mano arrivava esattamente di fronte al volto di quest’uomo il quale mi sfiorò con le dita per richiamare la mia attenzione. Quando mi voltai lo guardai negli occhi e d’istinto gli diedi da finire quell’ultimo prelibato pezzo di pizza bianca che stavo mangiando. Senza farmi domande ho sentito che quella era l’unica cosa che potessi fare.
Oggi a 23 anni, senza farmi domande , ascolto le storie, vivo gli sguardi, condivido la mia vita con quella di tante persone meno fortunate di me e sento quotidianamente l’esigenza di raccontare questo 11185665_10206751141645036_1361437766_nsentimento, di sensibilizzare tutti i miei coetanei ad aprire la propria vita ed arricchirla con quella di tanti altri.

Questa è stata la motivazione per la quale ho deciso di aderire a Students for Humanity, associazione universitaria che si occupa di trasmettere l’importanza e il valore del volontariato tra i giovani studenti della città di Milano. Attraverso informazione, sensibilizzazione e diffusione di cultura civile, ogni giorno tanti ragazzi possono approcciarsi al mondo del volontariato sotto le sue mille sfaccettature. Una di queste è sicuramente Save the Children.

Mi sono imbattuta in questa organizzazione grazie al villaggio Every One e trovai subito, già nel nome, una sostanziosa dose di affinità: Every One –scrive SAVE THE CHILDREN nel report “Mondi dispari”- perché ciascuno di noi può fare qualcosa per salvare la vita di un bambino; Every One perché ciascun bambino ha il diritto di essere salvato, e a vivere e crescere, in qualsiasi posto sia nato.
Combattere le disuguagliaEVERY_ONE_savethechildren.cronaca.liberanze e le ingiustizie che spesso ricadono sui soggetti più innocenti e fragili, i bambini, che su questo mondo ci sono finiti e senza alcuna colpa soffrono e si spengono prima di poter assaporare la vita che meriterebbero.

A settembre, durante EXPO, tra i padiglioni della grande fiera alle porte di Milano, potrò contribuire anche io alla diffusione del messaggio di Every One e del grande valore del lavoro che l’ONG svolge in tutti paesi in cui opera. Nel mio piccolo posso sentirmi vicina a tutti quei bambini che ogni giorno, lontano dai miei occhi, lottano con una realtà che non hanno scelto, con una guerra che non combattono, con una terra che ha deciso di non dar loro acqua o cibo, con malattie che i loro esili corpi non riescono a debellare.

Il tempo è la cosa più preziosa che possiamo donare: in un mondo che corre arriva il momento di fermarsi un secondo e pensare che tutto quello che facciamo, se fatto da soli, ha meno valore.

Per questo a nome mio e di tutti i membri di Students for Humanity che provano con me la gioia di “condivivere”, vi dico che ci vediamo a settembre, per dare voce a tutti i bambini del mondo, per distinguerci tra tutti i padiglioni con il colore rosso del cuore che batte, per regalare e regalarci un po’ di tempo riscoprendo la nostra naturale inclinazione a vivere per gli altri!

 

Francesca Cavola

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s